English Flag icon

cosa puoi fare tu

Come e quando fare testamento

E' necessario redigere un testamento per permetterci di decidere, quando si è ancora in vita, come e a favore di chi saranno destinate le nostre risorse, spesso i sacrifici di una vita, dando in tal modo forma concreta alle nostre volontà. Disporre un testamento solidale a favore di una organizzazione responsabile e trasparente come l’AIL è un gesto ricco di significato e fortemente connotato dalla consapevolezza di offrire agli altri ancora una possibilità.

Successione legittima = in base alla Legge

In assenza di testamento i beni vengono ripartiti secondo quanto previsto dall’art. 565 del codice civile secondo il seguente ordine: coniuge, discendenti (figli), ascendenti (padre, madre, nonni) collaterali (fratelli o sorelle), parenti fino al sesto grado e, infine in assenza di questi, allo Stato.

Quota legittima

Quota parte del patrimonio che la legge italiana riserva ai parenti cosiddetti “eredi legittimari” e della quale non si può disporre liberamente per testamento. Il valore di questa varia a seconda di quali e quanti sono i legittimari.

Ecco una tabella semplificata utile al fine di calcolare la quota di patrimonio di cui si può disporre per testamento
=
Quota disponibile

ErediQuota legittimaQuota disponibile
Coniuge 1/2 1/2
Coniuge e un figlio 1/3 al figlio
1/3 al coniuge
1/3
Coniuge e più di un figlio 1/4 al coniuge
1/2 ai figli
1/4
Coniuge + genitori + nonni 1/2 al coniuge
1/4 ai parenti
1/4
Un figlio 1/2 1/2
Più figli 2/3 1/3
Genitori + nonni 1/3 2/3

 

Quota disponibile

Quota parte del patrimonio di cui possiamo disporre liberamente redigendo un testamento. Se non si hanno eredi legittimari si può disporre liberamente dell’intero patrimonio.

Successione testamentaria

Pianificare il futuro scrivendo un testamento non ci vincola in alcun modo perchè è un atto modificabile e revocabile in qualsiasi momento. È un atto semplice strettamente personale che presuppone la maggiore età e la capacità di intendere e di volere

Cosa si può lasciare CON UN TESTAMENTO SOLIDALE

È falso pensare che, per fare testamento e inserire un lascito solidale, si debbano possedere grandi patrimoni, in realtà si possono lasciare tutti i nostri beni o anche solo una piccola parte di questi ad esempio:

  • una qualsiasi somma di denaro
  • un bene mobile, un arredo, un’opera d’arte, un gioiello
  • un bene immobile, come un appartamento, un terreno ecc.
  • una polizza vita, il Tfr
  • azioni, obbligazioni e altri titoli d'investimento

Esempio di Testamento che modifica il precedente:

Io sottoscritto (nome, cognome data di nascita ecc.) nel pieno delle mie facoltà mentali, a parziale modifica del precedente testamento dispongo che i miei beni ……

Luogo e data                        Firma

Esempio di Testamento che ANNULLA E sostituisce il precedente

Io sottoscritto (nome, cognome data di nascita ecc.) nel pieno delle mie facoltà mentali, con il presente testamento revoco ogni mia precedente disposizione e dispongo che ……..……

Luogo e data                        Firma

Conservazione

Può essere conservato dallo stesso testatore, tuttavia per evitare che il testamento possa essere alterato, distrutto o non trovato, è opportuno che sia redatto in due o più originali e che uno sia affidato ad un notaio e l’altro conservato da un soggetto di fiducia. Si consiglia di recapitare una copia del testamento anche all’Ente e/o Enti a cui si è deciso di fare un lascito.

lE TIPOLOGIE DI testamento  

Olografo

È scritto di proprio pugno dal testatore, per essere valido è necessario che sia indicata la data di redazione e che sia apposta la firma alla fine del documento. Non può essere redatto con strumenti elettronici o da un’altra persona. Può essere conservato dal testatore e/o da persona di sua fiducia.  

pubblico

È redatto necessariamente dal Notaio, che provvede a raccogliere le volontà del testatore e a metterle per iscritto, alla presenza di due testimoni. Una volta sottoscritto dal testatore, dai testimoni e di quest'ultimo, il testamento viene conservato presso la sede del Notaio, finché in attività, e successivamente presso l’Archivio Notarile. Il Notaio, appena gli è nota la morte del testatore, comunica l’esistenza dello stesso agli eredi e ai legatari di cui conosce il domicilio o la residenza e provvede alla pubblicazione del testamento.

segreto

È redatto come il testamento olografo, viene sigillato dal testatore e consegnato al Notaio alla presenza di due testimoni, questi non ne conoscono il contenuto. I vantaggi di questa tipologia di testamento poco diffusa sono la custodia e la segretezza garantita dal deposito presso il Notaio.   

Il testamento pubblico ha la stessa validità del testamento olografo, ma rispetto a quest’ultimo ha il vantaggio di essere redatto con la competenza specifica del Notaio, che può suggerire le soluzioni migliori nel rispetto della normativa vigente.

Con il patrocinio e la collaborazione del Consiglio Nazionale del Notariato